content top

NON SI PARLA PIU’ DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. DI CHE COSA SI PARLA?

 La crisi economica ha spazzato via gli ultimi riferimenti all’organizzazione aziendale. Il primo colpo è stato inferto dall’informatizzazione delle aziende negli anni ottanta, con la diffusione dei pc da tavolo.. Una ulteriore mano  l’ha data più recentemente la diffusione del Web. La crisi ha fatto il resto. Le aziende sono ormai tutte apparentemente sistemiche. All’interno di ogni azienda tutti sono in grado di comunicare con tutti.
La lean organization è l’ultimo schema organizzativo di cui si è parlato sino a pochi anni orsono. Ora non si parla neanche più  di quella. Sono sparite le segretarie, al massimo sono rimaste le assistenti di direzione, in qualche caso si parla di assistenti tout court. Di organizzazione gerarchica, divisionale, lineare/orizzontale non se ne parla più da tempo. Qua e la si fa riferimento all’organizzazione a rete e all’azienda olonica.
Non discuto se il fatto che non si parli più di organizzazione aziendale sia un bene o un male. L’impressione è che: primo,ci si è resi conto di aver esagerato in passato; secondo, il focus si è spostato sulle persone, sulle loro esperienze professionali, sui talenti e, sommessamente, sulla meritocrazia. Nelle aziende servono persone disponibili, capaci, versatili, possibilmente con un po’ di leadership. Non basta saper fare bene il programmatore di sistemi applicativi, occorre anche saper progettare soluzioni adatte agli utenti e saperle spiegare in modo convincente.
Se così è, mi sembra di poter affermare che nel corso degli anni è avvenuto un processo di purificazione e, finalmente, si è arrivati all’individuo nella sua unicità.
Ciò che conta oggi  è la persona e la sua personalità  in quanto tale. Poi vengono la  sua preparazione scolastica di base e professionale. A seconda dei livelli di responsabilità si cerca anche l’esperienza. All’interno della preparazione  professionale serve l’eclettismo.
Di conseguenza sarebbe bene che ai giovani arrivassero oggi stimoli in queste direzioni. Chiunque ha in mano le loro sorti di crescita deve offrire opportunità di verifica e di sperimentazione. A partire dalle scuole medie superiori in poi.
Personalmente prediligo le persone dotate di insaziabile curiosità, di elevata disponibilità a stabilire relazioni interpersonali basate sull’apporto di conoscenza e di valori.
L’economia della conoscenza impone che le persone non siano gelose del loro mestiere o delle loro conoscenze. Devono metterle a disposizione di chiunque senza timore di essere derubati.

Lascia una recensione

501 Commenti riguardo "NON SI PARLA PIU’ DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. DI CHE COSA SI PARLA?"

avatar
  Subscribe  
Notificami
Health and Fitness
Ospite

Perfectly pent content material , thankyou for selective information .

1 9 10 11